Conserve & Confetture: la sterilizzazione

di in Come fare: guide di cucina

Per preparare delle conserve di verdure (sott’olio o sott’aceto) o delle normali confetture o marmellate ci sono alcune procedure che si rendono necessarie per fare in modo che il risultato sia il migliore possibile.

Uno dei procedimenti che può risultare molto importante, a seconda delle ricette, è quello della sterilizzazione dei vasi dove vengono conservate le verdure o fatte le confetture.

La sterilizzazione si ottiene facendo bollire i vasi ermeticamente chiusi per il tempo che viene indicato di volta in volta nella ricetta. Per questo tipo di procedimento esistono in commercio degli sterilizzatori appositi che possono tuttavia essere sostituiti con altri normali recipienti da cucina come pentole e casseruole che siano però capienti e che abbiano i bordi alti almeno 10 cm. sopra l’altezza dei vasetti che dobbiamo sterilizzare. Il livello dell’acqua che bolle deve risultare almeno 1 – 2 cm. sopra il coperchio dei vasetti per intenderci.

Per effettuare questo procedimento con i normali recipienti da cucina dovremo utilizzare, come detto recipienti capienti, poichè dovremo sterilizzare più vasetti contemporaneamente. Dobbiamo inoltre usare piccoli accorgimenti per far sì che tutto proceda per il meglio.

Sul fondo del recipiente che utilizzeremo come sterilizzatore dobbiamo riporci un foglio di giornale, per evitare che i vasetti bollendo e scontrando il fondo non si rompano, inoltre è opportuno separare i vasetti tra di loro con un sottile foglio di cartone inserito verticalmente. L’acqua bollendo muoverà i vasetti che altrimenti si scontrerebbero con il rischio che si possano incrinare.

La regola generale da tenere sempre a mente è la seguente:

Se il contenuto del vasetto è caldo, bisogna iniziare la sterilizzazione con l’acqua calda, se il contenuto è freddo possiamo immergere il vasetto a bagnomaria già in acqua fredda. Nel caso di una prolungata ebollizione se l’acqua che ricopre i vasi è evaporata è necessario aggiungerne altra bollente, in quanto non dobbiamo far interrompere l’ebollizione.

Il tempo di sterilizzazione che troverete consigliato nelle ricette di volta in volta quando sarà necessario farlo (non tutte le conserve o confetture necessitano di sterilizzazione), dovremo calcolarlo partendo dal momento di inizio dell’ebollizione dell’acqua, fino all’istante in cui l’acqua smette di bollire dopo aver spento il gas, con una tolleranza di cinque minuti.

I vasetti dovranno poi rimanere a bagnomaria fino a chè l’acqua non si sarà raffreddata del tutto, e prima di riporre i vasetti in dispensa, per verificare che il procedimento sia avvenuto correttamente potremo fare qualche controllo. Se usate per esempio quei vasetti che hanno la guarnizione di gomma ela chiusura con la levetta per verificare che tutto sia andato per il meglio basterà sganciare la levetta e verificare che il coperchio non si stacchi, vedrete che la guarnizione aderirà completamente ed il tutto sembrerà sigillato, se invece questo non è avvenuto poco male, basterà controllare lo stato della guarnizione di gomma e ripetere l’operazione.

Infine ricordiamoci sempre di riporre i vasetti delle nostre conserve in luoghi freschi, asciutti e bui.

i commenti alla ricetta25 Commenti
  1. Dina31/10/2015 a 11:32Rispondi

    i vasetti sterilizzati precedentemente e usati per le conserve, possono essere riutilizzati daccapo senza sterilizzarli mettendo altre conserve?

    • Alessandra Rossi31/10/2015 a 18:47Rispondi

      assolutamente no, devi sempre sterilizzare tutto daccapo

  2. Melania Contaldo05/08/2015 a 20:22Rispondi

    Ma una volta apert per controllare o aggiungere sii annulla la.sterilizzazione e poi il.tempo.di.conservazione sarà più breve?

  3. Melania Contaldo04/08/2015 a 20:12Rispondi

    Si questo lo so,quello che nn capisco.e perché nelle tua ricetta delle melanzane sott olio,se non ho letto male,dici che dopo la.chiusura,di.controllare spesso il livello dell olio?questo passaggio nn riesco a capire

  4. Melania Contaldo03/08/2015 a 20:41Rispondi

    Un informazione ma se io preparo le melanzane sott olio,e poi strelizzo i vasetti come.faccio poi a riaprire i vasi per controllare la quantità d olio,se sono sterillizati?grazie

    • Ricette della Nonna04/08/2015 a 10:12Rispondi

      Una volta chiusi i vasetti non possono essere aperti fino aa quando non li consumerai. Per fare una corretta sterilizzazione devi attenerti a questi istruzioni. Per accorgerti che la sterilizzazione è andate bene, quando aprirai il vasetto dovrà fare lo schiocchio del sottovuoto e non dovranno uscire bolle d’aria dall’olio. In quel caso butta tutto.

  5. Elisa Paparella24/06/2015 a 08:27Rispondi

    Vorrei una ricetta semplice e veloce x fare dei vasetti di zucchine in agrodolce

    • Ricette della Nonna24/06/2015 a 10:47Rispondi

      ancora non abbiamo una ricetta di questo tipo…cercheremo di metterla al più presto 😉

    • Antonella Paris02/11/2015 a 11:12Rispondi

      Scusate, ma è possibile sterilizzare i vasetti di melanzane sott’olio (precedentemente messi sotto sale e sotto aceto) già confezionati con l’olio dentro? Io non ho sterilizzato i vasetti vuoti prima…

    • Ricette della Nonna03/11/2015 a 10:15Rispondi

      Antonella Paris dovevi sterilizzare i vasetti prima

  6. Peperoni sott’olio02/09/2014 a 03:01Rispondi

    […] 24 ore, sistemate i peperoni nei barattoli preventivamente puliti e sterilizzati, pressandoli bene, aggiungete l’olio fino a ricoprirli completamente facendo attenzione a non […]

  7. peperoni sott’olio | Ricette della Nonna01/09/2014 a 15:47Rispondi

    […] 24 ore, sistemate i peperoni nei barattoli preventivamente puliti e sterilizzati, pressandoli bene, aggiungete l’olio fino a ricoprirli completamente facendo attenzione a non […]

  8. elisabetta marchesi05/09/2013 a 14:31Rispondi

    ciao ,io vorrei sapere se posso avere informazioni per poter conservare i peperoni sott”olio , come si preparano etc.etc… digito nella ricerca ma nn mi da niente,!grazie x la risposta 🙂

  9. Marmellata di ciliegie | Ricette della Nonna21/05/2013 a 12:39Rispondi

    […] Sterilizzate i vasetti dove verserete la […]

  10. Melanzane sott’olio | Ricette della Nonna13/09/2012 a 16:58Rispondi

    […] Mettetele nei vasi ermetici (precedentemente sterilizzati), formando degli strati e distribuendo tra uno strato e l’altro un trito di basilico e aglio, […]

commenta la ricetta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Ricette con le fragole facili e veloci
Ricette con i carciofi semplici e veloci
Ricette con gli asparagi facili e veloci
Come preparare torte semplici
Le torte più cliccate
1

Ricetta torta al cioccolatoTorta al cioccolato

Unica e inimitabile
2

Ricetta torta di meleTorta di mele

La classica di Nonna
4

Ricetta crostata alla marmellataCrostata alla marmellata

Croccante e buonissima
5

Ricetta torta magicaTorta magica

Magicamente buona
6

Ricetta torta paradisoTorta paradiso

Più soffice non esiste
7

Ricetta torta pan di stelleTorta pan di stelle

Un nuovo classico
9

Ricetta torta margheritaTorta margherita

Profumata e soffice
10

Ricetta ciambellone cacao e latte di una voltaCiambellone cacao e latte

Un ciambellone inimitabile
Ricette per le cheesecake facili e veloci
Ricette con le ciliegie facili e veloci
Ricette con le zucchine facili e veloci
Ricette con le melanzane facili e veloci
Ricette con le mele facili e veloci
Ricette con la Nutella facili
Ricette con le patate facili e veloci
Ricette per le polpette facili
Ricette per biscotti semplici
Ricette torte salate facili

Ingredienti in evidenza

Zenzero, proprietà nutrizionali, usi, benefici e controindicazioniLo Zenzero

La radice miracolosa

Aglio, proprietà e beneficiL'Aglio

un alleato prezioso

Fragole, proprietà e beneficiLe Fragole

da mangiare adesso

Finocchio, proprietà e valori nutrizionaliIl Finocchio

per essere light

Uova, proprietà e utilizziLe Uova

poliedriche e nutrienti
Ricette in evidenza

Ricetta tiramisu classicoTiramisù classico

Con crema al mascarpone

Ricetta spaghetti alla carbonaraSpaghetti alla carbonara

Dalla tradizione romana

Ricetta pancake super sofficiPancake super soffici

Per la colazione