Melanzane sott’olio

di in Conserve sottolio e sottaceto

Le melanzane sott’olio sono un ottimo compromesso per poter gustare le vostre verdure preferite in qualsiasi momento. Sono poi davvero utili e comode per ospiti inattesi o per chiudere un pasto non proprio abbondante.

Se siete dei cultori della verdura sott’olio dovete assolutamente visitare la nostra sezione speciale dedicata alle conserve e alle confetture.

Ingredienti

Guarda altre ricette con: melanzane
  • Tempo Preparazione:
    40 minuti
  • Tempo Riposo:
    1 mese
  • Difficolta:
    Impegnativa

Procedimento

Lavate e sbucciate le melanzane. Tagliatele a fette sottili (spesse qualche millimetro).

Mettetele a macerare su di un tagliere lievemente inclinato: salate, pepate e lasciatele così per 12 ore, finché non perderanno il loro liquido amarognolo.

Portate a ebollizione l’aceto e tuffateci dentro le melanzane. Cuocete per 2/3 minuti da quando l’aceto riprenderà il bollore.

Scolatele, mettetele su di un piano abbastanza grande (dovete stenderle bene, senza sovrapporle), copritele con uno strofinaccio e lasciatele asciugare.

Mettetele nei vasi ermetici (precedentemente sterilizzati), formando degli strati e distribuendo tra uno strato e l’altro un trito di basilico, aglio e peperoncino, sin quando non arrivate ad un dito dall’apertura del barattolo.

Copritele abbondantemente con olio a 60 gradi, controllando che dopo 12 ore non sia sceso di livello (nel caso, aggiungetene ancora). E’ importante che l’olio ricopra perfettamente le melanzane. Capovolgete i barattoli in modo che si formi una depressione nel tappo che assicuri che non sia avvenuta la contaminazione.

Chiudete i vasetti ermeticamente e metteteli in un luogo fresco e buio per 3 mesi. 

Dopo due settimane, controllate che il livello d’olio sia adeguato a coprire tutte le melanzane e non sia sceso troppo.

melanzane sotto olio


i commenti alla ricetta109 Commenti
  1. Carmela Passaro07/10/2016 a 12:49Rispondi

    Buongiorno a tutte…tempo fa mi dissero che le melanzane diventavano nere xche io le facevo con l aceto di vino di casa produzione propria…infatti vidi la differenza…e mi dissero che si deve fare con l aceto comprato quello bianco e nn rosso…oggi invece mi dicono di una strizzata di limone in più fette di limone quando sono Nel sale e aceto( fmtutt insieme)

  2. Ricette della Nonna29/09/2016 a 19:51Rispondi

    si

  3. Emilia Roncelli29/09/2016 a 14:03Rispondi

    Buongiorno, posso usare l’aceto di mele anziche di vino bianco?
    graie
    emilia

  4. Roberto26/09/2016 a 11:36Rispondi

    Buon giorno a tutti vi do alcune notizie sulle verdure e per la conservazione in quanto ho lavorato in un industria conserviera ,per farla breve le verdure devono essere soprattutto fresche di raccolto per quanto non siano già contaminate da alterazione batterica .affettatura o filettatura a secondo vostro piacimento .le verdure vanno salate a strati senza esagerare non vanno più lavate con acqua di rubinetto ma va aggiunto solo aceto a gradimento strizzate o centrifugate dopo 8 ore di macerazione . Condite a piacimento con l’aglio origano peperoncino olio di girasole o oliva a secondo gusto e tradizione dopo l invasatura chiudere con tappi nuovi e pastorizzare (bollire) per35 minuti con vasi di grammatura tra 450 /500 gr il doppio se supera il kg lasciarli raffreddare controllare se il tappo si è creata al centro una fossetta di depressione(sottovuoto) il prodotto è garantito per la conservazione 40giorni dopo potéte mangiare il prodotto attenzione non assaggiare vasi di prodotti che fermentano olio ( versano olio) nei prossimi giorni dopo la pastorizzazione il prodotto non e comestibile ciò avviene perché dovuto problemi di salatura ocontaminazione o tappo non serrato .Applicare etichetta giorno mese anno di confezionamento il prodotto con caratteristiche perfette si può conservare fino 3 anni. Per non far ossidare o scurire le verdure succo di limone spruzzato su di loro oppure acido citrico lo rivendono normalmente chi rivende prodotti per l enologia .tutto ciò che vi ho spiegato è solo per i prodotti da fresco,

  5. Giuliana Sonoio15/09/2016 a 08:10Rispondi

    buon giorno, oggi ho appena saputo da un amico che per non far diventare le melenzane scure, lui preme un succo di limone nell acqua….farò una prova ….forse ha ragione!!!!

  6. Stella E Giuseppe Calvanese06/09/2016 a 21:18Rispondi

    ..scusate l’intrusione…io ho il problema che non riesco a farle così chiare..appena metto l’aceto (bianco ) le melenzane diventano scure … c’è qualche trucco ..potete aiutarmi ?..grazie !!…un’altra cosa…che significa “olio a 60 gradi….caldo ?

  7. senatore angela14/08/2016 a 17:16Rispondi

    a me è stato detto di usare olio disemi di arachidi–è corretto???

    • Giulio Rossi15/08/2016 a 09:07RispondiAutore

      Ciao Angela, utilizza olio extravergine di oliva per ottenere un risultato perfetto.

  8. Francesca08/08/2016 a 16:43Rispondi

    Ma dopo aver messo tutto nei barattoli, bisogna sterilizzare nuovamente x il contenuto?

    • Giulio Rossi08/08/2016 a 20:15RispondiAutore

      No, quella sarebbe la pastorizzazione. Se vuoi un’ulteriore sicurezza la puoi fare, facendo bollire i barattoli per 20 minuti in acqua bollente.

  9. John De Santis22/07/2016 a 15:06Rispondi

    Io li preparo diversamente: dopo aver affettato le melanzane le dispongo a strati in un recipiente tra uno strato e l’altro metto sale e spruzzatine di aceto quando il recipiente è pieno metto un piatto con un peso sopra ( per tenerle schiacciate) e le faccio stare 48h nella loro acqua, nel frattempo preparo il condimento aglio, prezzemolo e peperoncino, poi strizzo le melanzane e le mescolo insieme al condimento per poi mettere il tutto nei barattoli di vetro e riempirli di olio. Dopo un mese sono pronti. Buon appetito

    • Ricette della Nonna22/07/2016 a 15:37Rispondi

      Grazie del tuo contributo. 😉

    • Marisa Pacei23/07/2016 a 09:20Rispondi

      pure io le preparo cosi ,tagliando le malanzane a fiammifero sono molto buone rimangono al dente anche dopo molti mesi .

    • Nico Scotto Di Luzio26/07/2016 a 17:19Rispondi

      Scusa ma se sono schiacciate …come fanno a stare nella loro acqua ? ho visto l’utensile per strizzarle …….secondo me è il segreto per ottenere melanzane ” chiare e dure” 😉

    • Patricia De Franco08/08/2016 a 16:35Rispondi

      Ma non le fai cuocere?

    • Ricette della Nonna08/08/2016 a 18:06Rispondi

      Patricia De Franco No, Nonna non le fa cuocere.

    • Roberta Letta17/08/2016 a 07:54Rispondi

      Scusi ma non vanno bollite ?

    • John De Santis17/08/2016 a 08:03Rispondi

      Nico Scotto Di Luzio tenendole schiacciate con un piatto tirano fuori tutta la loro acqua e ne rimangono immersi per 48 ore girandole 2 volte al giorno, l’acqua esce immediatamente non servono ore ma non appena metti il piatto e le schiacci vedi tantissima acqua uscire, l’utensile per strizzarle serve alla fine delle 48 ore per liberarle da tutti i liquidi rimasti per poi condire le melanzane e metterle nei barattoli, per la durezza è garantito che rimarranno dure e croccanti per il colore diventano scure perchè è dovuto alla cottura d’aceto

    • John De Santis17/08/2016 a 08:12Rispondi

      Patricia De Franco no non le faccio cuocere, si cuociono da sole nell’aceto e sale per 48 ore

    • Nella Troiani16/09/2016 a 07:45Rispondi

      Stesso metodo Ke uso io

  10. John22/07/2016 a 17:05Rispondi

    Io li preparo diversamente: dopo aver affetto le melanzane le dispongo a stati in un recipiente tra uno strato e un’altro metto sale e spruzzatine di aceto quando il recipiente è pieno metto un piatto con un peso sopra ( per tenerle schiacciate) e le faccio stare 48h nella loro acqua, nel frattempo preparo il condimento aglio, prezzemolo e peperoncino, poi strizzo le melanzane e le mescolo insieme al condimento per poi mettere il tutto nei barattoli di vetro e riempirli di olio. Dopo un mese sono pronti. Buon appetito

    • daiana17/10/2016 a 12:25Rispondi

      scusa jonn ma che significa che metti un piatto con un peso sopra per tenerle schiacciate e poi le fai stare nella loro acqua?e poi le strizzi?ma perché cacciano tanto di quell acqua da stare immerse dentro l acqua e aceto?ma quanto aceto ci metti?puoi spiegare bene per favore?

commenta la ricetta

Commenta la ricetta

Ricette di Pasqua facili e veloci
Ricette con le fragole facili e veloci
Ricette con i carciofi semplici e veloci
Ricette con gli asparagi facili e veloci
Ricette per le cheesecake facili e veloci
Come preparare torte semplici
Le torte più cliccate
1

Ricetta torta al cioccolatoTorta al cioccolato

Unica e inimitabile
2

Ricetta torta di meleTorta di mele

La classica di Nonna
4

Ricetta crostata alla marmellataCrostata alla marmellata

Croccante e buonissima
5

Ricetta torta magicaTorta magica

Magicamente buona
6

Ricetta torta paradisoTorta paradiso

Più soffice non esiste
7

Ricetta torta pan di stelleTorta pan di stelle

Un nuovo classico
9

Ricetta torta margheritaTorta margherita

Profumata e soffice
10

Ricetta ciambellone cacao e latte di una voltaCiambellone cacao e latte

Un ciambellone inimitabile
Ricette con le zucchine facili e veloci
Ricette con le melanzane facili e veloci
Ricette con le mele facili e veloci
Ricette con le patate facili e veloci
Ricette con la Nutella facili
Ricette per le polpette facili
Ricette per biscotti semplici
Ricette torte salate facili