Salumi italiani naturali: bando ai conservanti, sì al gusto

di in News

Quali sono i salumi italiani naturali? Cosa intendiamo quando parliamo di salumi privi di conservanti? Si tratta di un argomento davvero spinoso per il quale trovi un mare di ricerche e approfondimenti di tiratura scientifica. Noi proveremo a fare una sintesi scusandoci anticipatamente con gli esperti se semplificheremo un po’ troppo le cose. Il nostro interesse in questo approfondimento, in realtà, non è quello di dimostrare che i conservanti siano dannosi per la salute, dato che online su fonti ufficiali trovi i riscontri scientifici di questa realtà.

Piuttosto ci interessa tessere le lodi dei salumi italiani naturali invitandoti a preferirli sempre a quelli ricchi di conservanti che, come ti abbiano anticipato, sarebbero da bandire dalla nostra alimentazione. Se volessi approfondire la questione dei conservanti, tuttavia, ti consigliamo di andare a leggere quali vengono utilizzati maggiormente nelle produzioni industriali e quali sono i rischi per la salute. Nello specifico i nitriti E249 ed i nitrati E251 ed E252 sono stati recentemente riconosciuti come cancerogeni da parte di uno studio condotto dallo IARC, l’Agenzia Internazionale per la ricerca contro il cancro.

Perché preferire i salumi italiani naturali?

Questa tipologia di salumi viene prodotta seguendo regole e tradizioni secolari che impiegano conservanti naturali come pepe e sale. La stagionatura dei salumi italiani naturali, quindi, avviene ancora come si faceva una volta, utilizzando metodi antichi ma decisamente più sicuri per la salute. Un esempio? La Soppressata Calabrese DOP si produce creando un impasto di tagli nobili di carne di maiale rigorosamente allevato in zona. Poi viene messa sotto pressione in stanze controllate per temperatura ed umidità con l’aggiunta di sale e pepe.

Questo processo dura fino a tre mesi dopo i quali le uniche modalità di conservazione del prodotto ottenuto sono due: sott’olio oppure appeso in stanze buie e fresche. Un altro esempio è il Crudo di San Daniele DOP o il Crudo di Parma DOP i quali, assieme e tanti alti prodotti della tradizione che non utilizzano additivi, sono prodotti con ingredienti naturali per assicurarne la conservazione.

Come acquistare consapevolmente?

Fortunatamente i consumatori sono diventati via via più consapevoli e il web ha offerto a tutti la possibilità di acquistare online ciò che non trovano nei supermercati online. Come qualsiasi altro prodotto i salumi naturali possono essere acquistati online da produttori artigianali che vendono e producono seguendo la tradizione, coltivando le peculiarità della cultura nostrana in fatto di cibo e nel rispetto dell’ambiente.

Quindi quando acquisti salumi naturali non ti stai solamente prendendo cura della tua salute ma aiuti i piccoli produttori a sopravvivere nella dura concorrenza creata dalle produzioni industriali a larga scala. Chiaramente le produzioni artigianali hanno un piccolo “difetto”, ovvero quello di non poter coprire tutto l’anno una domanda come quella a cui rispondono i supermercati.

Se ci pensi bene, tuttavia, i supermercati sono sempre “pieni” e offrono ai consumatori frutta, verdura, carne e qualsiasi altro bene tutto l’anno, anche fuori stagione. Questo è reso possibile dall’intensificazione dei processi industriali che vanno a “forzare” la natura delle cose, accelerandola con agenti chimici e artificiali.

Proprio per questo si dovrebbe riflettere sulle quantità di cibo che acquistiamo e considerare quanto viene realmente consumato e quanto invece finisce nella spazzatura. Rispetto ai salumi, per esempio, è importante sapere che il consumo dovrebbe essere equilibrato nel tempo e inserito all’interno di una dieta sana e varia che preveda anche vegetali, fibre e carboidrati. Consumando responsabilmente ed equilibrando la nostra dieta, quindi, aiutiamo la filiera corta a produrre in maniera sana e a non sparire nell’oceano dei mercati intensivi e globalizzati.

Come si conservano i salumi naturali privi di conservanti?

Anche questo aspetto è destinato a cambiare lievemente le nostre abitudini di consumo e a ridurre gli sprechi consapevolmente. Per conservare correttamente un salume privo di conservanti chimici è necessario sapere che finché sono sigillati sottovuoto questi hanno una scadenza di sei mesi dalla data di produzione. Non devono essere riposti nel frigorifero a meno che la temperatura ambiente superi i 25 gradi. I salumi naturali non dovrebbero mai essere sposti alla luce del sole diretta e, solo una volta aperti possono essere conservati in frigo per un massimo di due settimane.

Ovviamente raccomandiamo di riporli avvolti ermeticamente nella pellicola per alimenti per una miglior conservazione.
Alla luce di quanto detto finora speriamo che tu possa apportare qualche cambiamento alla tua alimentazione e alla gestione della spesa alimentare, prediligendo le produzioni di qualità che sono il più prezioso vanto marchiato Made in Italy.

E’ uscito il libro di Ricette della Nonna

500 tra le ricette più belle di Nonna da conservare finalmente nella tua libreria. Lo potete trovare in libreria e nei maggiori portali di ecommerce in formato elettronico oppure in copertina rigida.

Aggiungi commento

Questa email risulta già registrata. Usa il Modulo di login o inseriscine un'altra.

Hai inserito una username o una password errata

Devi effettuare il login per inserire un commento.

Le ricette più cliccate
Ricetta crostata alla marmellata

Crostata alla marmellata

Croccante e buonissima


Ricetta cheesecake alle fragole

Ricetta Tiramisù al caffè

Tiramisù classico

Il classico al caffè


Ricetta tiramisù alle fragole

Tiramisù alle fragole

Un’originale alternativa


Ricetta torta al cioccolato

Torta al cioccolato

Unica e inimitabile


Ricetta torta di mele

Torta di mele

La classica di Nonna


Ricetta ciambellone soffice

Ricetta torta magica

Torta magica

Magicamente buona


Ricetta torta margherita

Torta margherita

Profumata e soffice