Mirtillo rosso: proprietà, benefici e controindicazioni

di in Schede alimenti

Il mirtillo rosso è il frutto prodotto dalla pianta della famiglia delle Ericaceae (genere Vaccinium) denominata scientificamente Vaccinium vitis-idaea. In alcuni casi questa pianta può essere confusa, per via della forma e del frutto che produce, con due varianti estremamente simili: l’ossicocco americano, detto Vaccinium macrocarpon o cranberry e la mortella di palude, o Vaccinium oxycoccos.

Tradizionalmente presente nelle foreste circumboreali, ovvero quelle che ricoprono gran parte del continente eurasiatico e dei paesi del Nord America, è prevalentemente legata a climi temperati fino a quelli subartici, ovvero tutta quella fascia che comprese Canada, Alaska, Scandinavia settentrionale e Russia, estendendosi in alcuni casi fino alla Mongolia e all’Himalaya.

Dal punto di vista prettamente botanico possiamo dire che il mirtillo rosso è una sempreverde sotto forma di arbusto: il fusto non si rinnova mai, mentre gli stoloni, che si sviluppano in orizzontale, hanno un ciclo botanico tradizionale con una lunghezza che arriva fino a tre metri.

Il mirtillo rosso vero e proprio, inteso come il frutto di questa pianta è una bacca edule, che raramente supera un centimetro di diametro: ha una forma rossa tondeggiante e una polpa ricca di semi.

Profilo nutrizionale del mirtillo rosso

Il mirtillo rosso è un frutto dal basso contenuto calorico, poiché 100 grammi di parte edibile apportano all’organismo appena 46 kcal. La suddivisione in macronutrienti dimostra una prevalenza significativa dei carboidrati, che costituiscono circa il 12% del peso complessivo, mentre le proteine forniscono appena lo 0,5% del peso complessivo e i grassi circa lo 0,15%.

Molto buono è il livello di fibre, che si aggira nel frutto fresco intorno ai 3,6 grammi, mentre il profilo minerale vede una prevalenza di potassio, fosforo e magnesio rispetto ad esempio al sodio e allo zinco che sono residuali. Buono anche l’apporto di calcio, con circa 8 mg ogni etto di mirtillo rosso.

Se parliamo delle vitamine, invece, vediamo una certa prevalenza della vitamina C, con 14 mg per ogni 100 grammi di materia edibile. Le altre vitamine presenti nel frutto con livelli significativi sono la vitamina A (3 mg), la vitamina E (1,32 mg) e la vitamina B6 (0,06 mg), mentre il contenuto in tiamina, riboflavina e niacina è sostanzialmente trascurabile.

Benefici e proprietà del mirtillo rosso

All’interno di una alimentazione regolare, che segue i principi della dieta mediterranea, l’utilizzo del mirtillo rosso è legato ad alcuni interessanti benefici che riguardano diffusamente sia gli uomini che le donne.

Tra i primi benefici di questo frutto possiamo, quantunque dobbiamo citare il contributo benefico alla lotta contro le infezioni delle vie urinarie: infatti l’assunzione di mirtillo rosso, per via del suo contenuto in proantociadine, può combattere l’insorgenza delle infezioni derivanti dall’Escherichia Coli, batterio che genera oltre l’80% di queste patologie. Come agisce il mirtillo? Aumentando il pH acido delle urine, rendendo così più ostile l’ambiente per la formazione del batterio.

Nelle donne in gravidanza, l’utilizzo del mirtillo rosso è invece consigliato poiché contiene livelli significativi di vitamina C e vitamina E. L’effetto combinato di queste due è scientificamente attestato che prevenga l’insorgenza della pre-eclampsia, un problema che può portare al parto prematuro, e che parrebbe legata a un accumulo di proteine nell’organismo, insieme all’aumento della pressione sanguigna.

Come per molta frutta fresca, il mirtillo rosso è anche consigliato per migliorare la salute dell’apparato cardio circolatorio: i flavonoidi, componenti essenziali di questo frutto, sono infatti responsabili di una significativa diminuzione dei livelli di colesterolo cattivo, mentre aumenterebbero la produzione di colesterolo cosiddetto buono fino al 121%. Inoltre, i flavonoidi agiscono nella prevenzione dell’aterosclerosi, aiutando a rimuovere le placche di accumulo che si formano in vene e arterie e per questo, liberando il flusso del sangue, possono addirittura prevenire l’insorgenza di infarto e ictus.

Tra gli altri effetti interessanti legati al consumo di questo frutto quasi magico troviamo il dimagrimento. No, ovviamente non si tratta di una bacca magica che ci farà perdere chilogrammi in pochi giorni, come qualche improvvida pubblicità potrebbe consigliare. Il mirtillo rosso, però, se bevuto sotto forma di succo ha un quantitativo minimo di zuccheri, ha un ottimo potere antiossidante e favorisce la riattivazione del metabolismo, condizione essenziale per chi vuole perdere i chili di troppo.

Sempre le proantocianidine, secondo alcuni studi, sarebbero responsabili dell’inibizione della crescita delle cellule tumorali. Insieme ai flavonoidi, il cui effetto contro il cancro al seno è già dimostrato, possiamo dunque dire che questo frutto è un validissimo alleato nella lotta ai tumori.

Le fibre, contenute in buona quantità in questo amico dell’organismo, sono invece valide per chi soffre di problemi intestinali e digestione difficile. Per riattivare la peristalsi, favorendo così una corretta evacuazione, è sufficiente mangiare le bacche intere (compresa buccia e semi) sia da sole che sotto forma di un gustoso frullato con l’aggiunta di mele e zenzero.

Infine, tra gli altri aspetti che vale la pena menzionare troviamo il rafforzamento del sistema immunitario, la cura dei malanni stagionali e gli effetti benefici sui denti, poiché prevengono l’insorgenza delle carie, soprattutto nei bambini.

Controindicazioni e possibili effetti collaterali

Generalmente un consumo regolare di mirtillo rosso non è associato a particolari effetti collaterali. Un caso specifico è legato ai pazienti che assumono il Warfarin, un farmaco anti-coagulante che può essere inibito dall’assunzione di questo frutto. Sebbene sia consigliato anche in gravidanza è bene parlare con il proprio medico per conoscere possibili effetti collaterali.

Stagionalità

Il mirtillo rosso ha un raccolto estremamente abbondante, che avviene generalmente tra fine agosto e ottobre, quando un ettaro di coltivazione può rendere fino a 500 kg di prodotto edibile.

Varietà

Il mirtillo rosso (Vaccinium vitis-idaea) è la varietà specifica del mirtillo di questo colore, e si distingue per colorazione e forma dal mirtillo blu (Vaccinium angustifolium) e dal mirtillo gigante americano (vaccinium corymbosum).

Curiosità

Molto diffuso in America, in passato il mirtillo rosso era considerato una medicina molto efficace anche dagli Indiani, che lo impiegavano soprattutto per combattere lo scorbuto.

E’ uscito il libro di Ricette della Nonna

500 tra le ricette più belle di Nonna da conservare finalmente nella tua libreria. Lo potete trovare in libreria e nei maggiori portali di ecommerce in formato elettronico oppure in copertina rigida.

Aggiungi commento

Questa email risulta già registrata. Usa il Modulo di login o inseriscine un'altra.

Hai inserito una username o una password errata

Devi effettuare il login per inserire un commento.
Le ricette più cliccate
Ricetta torta al cioccolato
Torta al cioccolato

Unica e inimitabile


Ricetta torta di mele
Torta di mele

La classica di Nonna


Ricetta ciambellone soffice

Ricetta crostata alla marmellata
Crostata alla marmellata

Croccante e buonissima


Ricetta torta magica
Torta magica

Magicamente buona


Ricetta torta paradiso
Torta paradiso

Torta più soffice non esiste


Ricetta torta pan di stelle
Torta pan di stelle

Un nuovo classico


Ricetta torta pan di stelle

Ricetta torta margherita
Torta margherita

Profumata e soffice


Ricetta Tiramisù al caffè
Tiramisù classico

Il classico al caffè