Ravanelli: proprietà, benefici e controindicazioni

di in Schede alimenti

Il ravanello comune è un ortaggio conosciuto e largamente utilizzato in Italia. Il suo nome botanico è Raphanus sativus e appartiene alla famiglia delle Crucifere (o Brassicaceae). La sua scoperta risale a oltre 3000 anni fa, ma il suo utilizzo alimentare è attestato solo intorno al 1750 circa. È originario dell’Asia, in particolare Cina e Giappone. Sono denoti circa 350 generi e 3000 specie.

Il nome ravanello deriva da “raphys” (rapa), termine collegato al latino “raphanus”. Anche la lingua persiana ha contribuito a questo nome, infatti “rafe” in questa lingua significa “apparizione rapida”, riferendosi alla veloce germinazione dei semi.

È coltivato per la sua radice, poiché proprio la radice di forma solitamente tonda, talvolta allungata, costituisce il prodotto finale d’interesse alimentare.

Proprietà nutrizionali

Il ravanello è un ortaggio ricco d’acqua, apportando soltanto 11 kcal per 100 grammi di prodotto, poiché composto per la stragrande maggioranza d’acqua (95%). Presenta una moderata quantità di sostanze nutritive, tra cui: alcune vitamine del gruppo B, C, acido folico e alcuni sali minerali, il potassio è l’unico in concertazione rilevante.

  • Valore energetico: 11 kcal
  • Acqua: 95%
  • Proteine: 0.8 g
  • Grassi: 0.1 g
  • Carboidrati: 1.8 g
  • Fibre: 1.3 g

Benefici dei ravanelli

Possiedono diverse proprietà benefiche, in particolare proprietà diuretiche, depurative, antispasmodiche, pro-appetente e pro-digestive, presentando anche un’azione antiossidante. Sono conosciuti per la loro capacità di conciliare il sonno. Presentano un indice glicemico basso, risultando adatto per coloro che soffrono di diabete.

Il rafanolo è una delle sostanze più importanti presenti nei ravanelli, insieme alla glucobrassicina e altre sostanze, fornisce un’azione medicamentosa. Alcuni studi hanno dimostrato le proprietà colecistocinetiche e antilitisiaco, utili nel trattamento dei disturbi biliari. È sfruttato in medicina per i composti fitoterapici.

La rafanina è la sostanza più importante presente nei semi, dotata di proprietà antibatteriche.

Controindicazioni

Le controindicazioni note nel caso di eccessivo consumo sono: irritazioni delle pareti gastriche e intestinali, con fenomeni di meteorismo.

Il consumo è sconsigliato per coloro che soffrono di gastrite, reflusso gastroesofageo e colon irritabile. Può provocare effetti lassativi, seppur blandi.

Stagionalità

Il ravanello è una pianta erbacea che non supera il metro di altezza. È di tipo biennale e produce un solo frutto alla volta. Il seme differisce dagli altri, poiché resiste particolarmente ai climi rigidi, germinando rapidamente nei mesi caldi, tra febbraio e luglio.

Si adatta facilmente all’ambiente e al terreno di coltivazione, anche se predilige un suolo ricco di sostanze nutritive e minerali.

Varietà

Le varietà sono numerose, sostanzialmente tutte estremamente simili, la differenza si basa sulla precocità, sulla forma e sul colore della radice. In Italia le più diffuse sono:

  • Ravanello “burro”: è il classico ravanello tondo e piccolo, rosso fuori e bianco all’interno, è morbido ma croccante dal sapore deciso e pungente. Le foglie sono morbide e adatte al consumo sia crude che cotte.
  • Ravanello “candela di fuoco”: ha una caratteristica forma allungata e appuntita, è di colore rosso all’esterno e rosa all’interno. La sua polpa è tenera e meno piccante rispetto alle altre varietà. Le sue foglie non sono particolarmente tenere.
  • Ravanello “French breakfast”: ha una forma allungata, è rosso con la punta bianca e arrotondata. Ha un sapore delicato e leggermente piccante. È una delle varietà più precoci, infatti si raccoglie a soli 40 giorni dalla semina. Le sue foglie non sono particolarmente indicate al consumo alimentare, ma è comunque possibile cuocerle prima del consumo.
  • Ravanello “Pink celebration”: ha una forma tondeggiante, di colore rosa vivido all’esterno e bianco all’interno. È una delle varietà dal sapore più dolce e non particolarmente piccante. Il suo consumo è vivamente consigliato da fresco. Le sue foglie sono tenere e ideali per essere consumate da cotte.

Come scegliere, acquistare e conservare i ravanelli

I ravanelli, sia in Italia che altrove, vengono consumati solitamente crudi. È possibile trovarli facilmente in ogni supermercato o mercato, anche quelli meno riforniti.

Si conservano in frigorifero riposti in un sacchetto alimentare, anche se è sconsigliato tenerli a basse temperature per più di 4-5 giorni. Il congelamento è vivamente sconsigliato, poiché potrebbero perdere la loro croccantezza e consistenza.

Va scelto in base all’utilizzo che ne si vuole fare: se si vogliono consumare le foglie vanno scelti quelli con delle foglie fresche, di un verde vivido. Soprattutto vanno acquistati in base al sapore e alle ricette in cui lo si impiega.

Vengono spesso conservati per mesi sotto forma di conserve, per esempio sott’aceto.

E’ uscito il libro di Ricette della Nonna

500 tra le ricette più belle di Nonna da conservare finalmente nella tua libreria. Lo potete trovare in libreria e nei maggiori portali di ecommerce in formato elettronico oppure in copertina rigida.

Aggiungi commento

Questa email risulta già registrata. Usa il Modulo di login o inseriscine un'altra.

Hai inserito una username o una password errata

Devi effettuare il login per inserire un commento.
Le ricette più cliccate
Ricetta torta al cioccolato
Torta al cioccolato

Unica e inimitabile


Ricetta torta di mele
Torta di mele

La classica di Nonna


Ricetta ciambellone soffice

Ricetta crostata alla marmellata
Crostata alla marmellata

Croccante e buonissima


Ricetta torta magica
Torta magica

Magicamente buona


Ricetta torta paradiso
Torta paradiso

Torta più soffice non esiste


Ricetta torta pan di stelle
Torta pan di stelle

Un nuovo classico


Ricetta torta pan di stelle

Ricetta torta margherita
Torta margherita

Profumata e soffice


Ricetta Tiramisù al caffè
Tiramisù classico

Il classico al caffè