Come conservare le arance

di in Come conservare

Le arance sono gli agrumi più amati e diffusi sulle tavole italiane. Oltre al sapore inconfondibile, questi alimenti sono ricchi di proprietà nutrizionali incredibili, che rendono l’arancia uno dei frutti più salutari e leggeri dal punto di vista calorico.

Ma come possiamo conservare le arance a casa? Ci sono dei metodi efficaci? Ricette della Nonna vi guida passo per passo. Scopriamo insieme le dritte basilari per una giusta conservazione delle nostre amate arance.

Ci sono alcune regole base nella scelta e conservazione delle arance. Alcuni segreti sono estendibili anche agli altri agrumi e, in genere, alla frutta tutta. L’importante è agire nel rispetto della natura, per seguire in ogni tappa la vita di un frutto.

Conservare le arance: la scelta e la guida all’acquisto

La prima dritta che si deve categoricamente seguire è data dalla scelta giusta di un frutto. Al momento dell’acquisto, preferite sempre arance non trattate, possibilmente da un fruttivendolo fidato e che dà garanzie certe della provenienza. Sebbene un frutto non biologico potrebbe avere una vita più lunga (anche se non sempre è così), ricordate sempre la premessa: agire sempre nel rispetto della natura.

Dopodiché passiamo alla varietà. Che sia un’arancia da consumare fresca o da spremere, non dimenticate di controllare la buccia e la consistenza; un rivestimento troppo lucido significa che il frutto è stato trattato, mentre una massa molla è sintomo che l’arancia è già troppo matura o comunque rovinata (per il viaggio, per il peso e la compressione delle altre arance etc etc).

Un altro consiglio riguarda le ammaccature e i tagli. Oltre a essere sintomo di poca cura, un’arancia già tagliata o ammaccata prima dell’acquisto si conserverà più difficilmente rispetto a un frutto sano.

Come conservare le arance

Forse non tutti sanno che le arance hanno una vita discretamente lunga. A seconda delle tipologie (alcune varietà, come le Valencia, possono durare anche 3-4 mesi se conservate al freddo), questi agrumi si adattano senza difficoltà alle temperature e all’umidità delle nostre case.

Per una conservazione più naturale possibile, il consiglio primario è quello di tenere le arance in un cesto da frutta e di lasciarlo in terrazza. Data la stagionalità prettamente invernale dell’agrume, l’aria fredda e mediamente umida gioverà alle vostre arance. In questo modo potrebbero rimanere alla massima maturazione fino a 25-30 giorni.

In alternativa le potete conservare dentro casa. L’atmosfera più calda e chiusa delle mura domestiche, però, ridurrà inevitabilmente il periodo di vita del frutto. Un’altra possibilità è quella di mettere le vostre arance in frigo, nello scomparto dedicato a frutta e verdura. In questo modo ricreerete artificialmente l’ambiente invernale esterno.

In ogni caso, però, ricordate sempre di conservare le vostre arance senza ammassarle o schiacciarle, in modo da evitare ammaccamenti e tagli irreparabili alla buccia.

Aggiungi commento

Questa email risulta già registrata. Usa il Modulo di login o inseriscine un'altra.

Hai inserito una username o una password errata

Devi effettuare il login per inserire un commento.