Carciofi fritti alla giudia

di in Contorni

I carciofi fritti sono una ricetta tradizionale della cucina ebraica romana, ma ormai considerati a tutti gli effetti un piatto romano. Vengono comunemente chiamati carciofi alla giudia.

Ingredienti

  • 8 carciofi cimaroli
  • 2 limoni
  • sale
  • pepe
  • olio di arachide per friggere
  • Tempo Preparazione: 20 Minuti
  • Tempo Cottura: 3 Minuti
  • Dosi: 8 Persone
  • Difficoltà: Media

Procedimento

Pulite i carciofi togliendo le foglie più dure ed esterne e lasciando soltanto 2/3 cm di gambo.

Con un coltellino molto affilato tagliate le punte più dure delle foglie ,in modo tale che il carciofo si presenti più largo alla base e arrotondato in cima.

Immergete i carciofi in acqua e limone e lasciateli immersi per circa 10 minuti, dopo averli scolati e asciugati, schiacciateli su un tagliere, tenendo la cima verso il basso, in modo che le foglie si aprano a fiore.

In un tegame dai bordi alti, fate scaldare abbondante olio di arachide o di oliva. L’olio deve essere in quantità sufficiente da poter coprire metà dei carciofi, cospargete l’interno delle foglie con sale e pepe e friggeteli.

Inizialmente friggeteli a fuoco moderato tenendo i gambi rivolti verso l’alto per circa dieci minuti, successivamente sempre a fuoco moderato, capovolgeteli e cuocete il gambo. Non appena quest’ultimo sarà bene colorito, girate nuovamente i carciofi con il gambo verso l’alto e, con delicatezza, schiacciateli verso il fondo. In questo modo le foglie resteranno aperte come i petali di un fiore e si doreranno al meglio.

Scolateli e sciugateli su carta da cucina, servendoli ben caldi.

I carciofi adatti per questa ricetta sono i cimaroli, detti anche carciofi romaneschi.

Foto Carciofi alla giudia

La Videoricetta Top