Come pulire le piastre della cucina in modo naturale

di in News

Dopo aver faticato tanto per preparare un pranzo o una cena con i fiocchi, arriva inesorabile il momento di pulire il piano cottura della cucina. D’altronde, schizzi di sugo, olio, acqua di cottura e altri residui di cibo vanno a finire sul piano e sui fornelli, formando macchie e incrostazioni difficili da togliere, soprattutto se non si agisce in tempi brevi.

Come pulire il bollitore: consigli efficaci per un bollitore a prova di pulito
Come pulire il bollitore: consigli efficaci per un bollitore a prova di pulito

Soprattutto dopo anni di utilizzo quotidiano diventa necessario  pulire le piastre della cucina.

I  fornelli perdono  la loro lucentezza, diventano opachi o, peggio, si anneriscono o ossidano, quindi è importante seguire una corretta e meticolosa manutenzione, usando prodotti che rispettano i materiali.

Vediamo, allora, come pulire le piastre della cucina con dei rimedi naturali in modo semplice e veloce.

Leggi anche l’articolo dedicato al piano cottura a induzione.

Addio residui di sporco! Ecco come pulire le piastre della cucina con prodotti naturali

Pulire le piastre

Chi lo dice che è indispensabile utilizzare dei prodotti chimici aggressivi? La natura ci mette a disposizione degli ingredienti super potenti per pulire ogni parte della cucina, in particolare il piano cottura e le piastre, composte da alcune parti davvero ostiche da trattare.

Bicarbonato di sodio e aceto

Questa combinazione è un classico rimedio naturale per pulire le piastre della cucina. Mescola bicarbonato di sodio e aceto bianco in parti uguali fino a formare una pasta. Strofina delicatamente questa pasta sulle superfici delle piastre e dei bruciatori usando una spugna o un panno, quindi risciacqua con acqua tiepida e asciuga con un panno pulito. Il bicarbonato di sodio agisce come abrasivo delicato, mentre l’aceto svolge un’azione sgrassante e disinfettante.

Aceto di vino bianco

Basta anche solo questo ingrediente per pulire in modo efficace i fornelli del piano cottura; infatti, si tratta di un potente disinfettante naturale, quindi privo di sostanze chimiche, capace di rimuovere lo sporco anche più ostinato e di smacchiare velocemente perfino i fornelli ossidati. Ad esempio, per pulire bene i bruciatori e le parti che li compongono, puoi versare in un tegame un bicchiere d’acqua e tre bicchieri di aceto di vino bianco, portare a bollore la miscela e immergere tutte le parti. Dopo 5 minuti lo sporco si scioglierà come per magia e basterà eliminare eventuali residui, ormai ammorbiditi e facili da togliere.

Succo di limone

Il succo di limone è un ottimo agente pulente naturale grazie alla sua acidità. Taglia un limone a metà e strofinalo sulle superfici delle piastre e dei bruciatori. Lascia agire per alcuni minuti, quindi strofina con una spugna umida e risciacqua abbondantemente con acqua tiepida. Il limone non solo rimuoverà lo sporco e il grasso, ma lascerà anche una piacevole fragranza fresca.

Sapone ecologico

Questo è uno dei metodi più semplici ma efficaci per pulire le piastre della cucina. Riempi un lavandino o una bacinella con acqua calda e aggiungi del sapone detergente naturale o del detersivo per piatti ecologico. Immergi i bruciatori e gli spargifiamma nell’acqua saponata e lasciali in ammollo per alcuni minuti. Quindi strofina delicatamente con una spugna o un panno e risciacqua abbondantemente con acqua pulita.


La Videoricetta Top