Conserve e Confetture: la sterilizzazione

di in Conserve&Confetture

Per preparare delle conserve di verdure (sott’olio o sott’aceto) o delle normali confetture o marmellate ci sono alcune procedure che si rendono necessarie per fare in modo che il risultato sia il migliore possibile.

Uno dei procedimenti che può risultare molto importante, a seconda delle ricette, è quello della sterilizzazione dei vasi dove vengono conservate le verdure o fatte le confetture.

La sterilizzazione si ottiene facendo bollire i vasi ermeticamente chiusi per il tempo che viene indicato di volta in volta nella ricetta. Per questo tipo di procedimento esistono in commercio degli sterilizzatori appositi che possono tuttavia essere sostituiti con altri normali recipienti da cucina come pentole e casseruole che siano però capienti e che abbiano i bordi alti almeno 10 cm. sopra l’altezza dei vasetti che dobbiamo sterilizzare. Il livello dell’acqua che bolle deve risultare almeno 1 – 2 cm. sopra il coperchio dei vasetti per intenderci.

Per effettuare questo procedimento con i normali recipienti da cucina dovremo utilizzare, come detto recipienti capienti, poichè dovremo sterilizzare più vasetti contemporaneamente. Dobbiamo inoltre usare piccoli accorgimenti per far sì che tutto proceda per il meglio.

Sul fondo del recipiente che utilizzeremo come sterilizzatore dobbiamo riporci un foglio di giornale, per evitare che i vasetti bollendo e scontrando il fondo non si rompano, inoltre è opportuno separare i vasetti tra di loro con un sottile foglio di cartone inserito verticalmente. L’acqua bollendo muoverà i vasetti che altrimenti si scontrerebbero con il rischio che si possano incrinare.

La regola generale da tenere sempre a mente è la seguente:

Se il contenuto del vasetto è caldo, bisogna iniziare la sterilizzazione con l’acqua calda, se il contenuto è freddo possiamo immergere il vasetto a bagnomaria già in acqua fredda. Nel caso di una prolungata ebollizione se l’acqua che ricopre i vasi è evaporata è necessario aggiungerne altra bollente, in quanto non dobbiamo far interrompere l’ebollizione.

Il tempo di sterilizzazione che troverete consigliato nelle ricette di volta in volta quando sarà necessario farlo (non tutte le conserve o confetture necessitano di sterilizzazione), dovremo calcolarlo partendo dal momento di inizio dell’ebollizione dell’acqua, fino all’istante in cui l’acqua smette di bollire dopo aver spento il gas, con una tolleranza di cinque minuti.

I vasetti dovranno poi rimanere a bagnomaria fino a chè l’acqua non si sarà raffreddata del tutto, e prima di riporre i vasetti in dispensa, per verificare che il procedimento sia avvenuto correttamente potremo fare qualche controllo. Se usate per esempio quei vasetti che hanno la guarnizione di gomma ela chiusura con la levetta per verificare che tutto sia andato per il meglio basterà sganciare la levetta e verificare che il coperchio non si stacchi, vedrete che la guarnizione aderirà completamente ed il tutto sembrerà sigillato, se invece questo non è avvenuto poco male, basterà controllare lo stato della guarnizione di gomma e ripetere l’operazione.

Infine ricordiamoci sempre di riporre i vasetti delle nostre conserve in luoghi freschi, asciutti e bui.

Le ricette più cliccate
Ricetta crostata alla marmellata

Crostata alla marmellata

Croccante e buonissima


Ricetta cheesecake alle fragole

Ricetta Tiramisù al caffè

Tiramisù classico

Il classico al caffè


Ricetta tiramisù alle fragole

Tiramisù alle fragole

Un’originale alternativa


Ricetta torta al cioccolato

Torta al cioccolato

Unica e inimitabile


Ricetta torta di mele

Torta di mele

La classica di Nonna


Ricetta ciambellone soffice

Ricetta torta magica

Torta magica

Magicamente buona


Ricetta torta margherita

Torta margherita

Profumata e soffice