Impasto per la pizza fatta in casa

di in Come fare

La pizza è un grande classico della nostra tradizione, un piatto che in tutto il mondo rappresenta l’Italia.

Questa è la ricetta per preparare la pizza fata in casa in modo semplice e facile, che più assomigli a quella che si mangia in pizzeria e che garantisca al contempo gusto e digeribilità.

Questo impasto prevede una bassa quantità di lievito, per cui i tempi di lievitazione sono necessariamente più lunghi, se avete poco tempo potete utilizzare la ricetta dell’impasto velocissimo per la pizza fatta in casa.

Ingredienti

  • 500 gr di farina di grano tenero di tipo I forte (sopra i 250 W)
  • 4 gr di lievito di birra fresco o 2 gr di lievito di birra secco
  • 330 ml di acqua a temperatura ambiente
  • 15 gr di olio
  • 15 gr di sale
  • semola di grano duro per spolverare le teglie
  • Tempo Preparazione:
    30 minuti
  • Tempo Cottura:
    20 minuti
  • Tempo Riposo:
    6 ore
  • Dosi:
    4 pizze medie
  • Difficoltà:
    Facile

Procedimento

  1. Pesate in modo preciso tutti gli ingredienti. Mettete la farina in una ciotola e cominciate ad aggiungere molto lentamente l’acqua a filo, mescolando con le mani. Fate questo procedimento senza fretta e facendo attenzione a far assorbire bene l’acqua alla farina. Fate attenzione a lasciare circa 50 ml da parte. Impastate fino a che non avrete ottenuto un panetto liscio e non appiccicoso.

  2. A questo punto sbriciolate con le mani il lievito di birra fresco. Se state utilizzando quello secco scioglietelo in un po’ d’acqua. Aggiungete il lievito all’impasto e fatelo amalgamare per bene impastando con le mani.

  3. Dopo circa 5/6 minuti l’aggiunta del lievito, unite all’impasto il sale poco alla volta, aiutandovi con l’acqua rimasta.

  4. Finito il sale continuate con l’aggiunta dell’olio. Anche in questo caso procedete aggiungendo l’olio a filo e prima di aggiungerne altro fatelo assorbire bene dall’impasto.

  5. Quando l’impasto sarà di nuovo tornato liscio e non appiccicoso, formateci una palla e mettetelo a riposare a temperatura ambiente per circa 10 minuti coperto con un canovaccio o dentro una ciotola rivestita con pellicola.

  6. Passati i 10 minuti trasferite l’impasto su un piano di lavoro leggermente infarinato di farina di semola. Lavoratelo con il palmo della mano ripiegandolo su se stesso, quindi giratelo lateralmente e ripiegatelo nuovamente su se stesso.
    Ripetete questo procedimento per alcuni minuti, quindi formate di nuovo una palla e mettetela in una ciotola leggermente infarinata coprendo con della pellicola alimentare. Inizia da questo momento la prima lievitazione detta anche “puntata“.

  7. Passati circa 60 minuti dall’inizio della puntata è ora di fare lo “staglio” che consiste nella divisione dell’impasto nei panetti che saranno utilizzati per fare le singole pizze. Un panetto per una pizza circolare di circa 32 cm di diametro può pesare tra i 230 e i 300 gr. Il peso però varia molto a seconda di quello che poi sarà lo spessore che vorrete dare alla vostra pizza.
    Lavorate ciascun panetto facendo attenzione che abbia la superficie liscia e omogenea senza presentare buchi o pieghe sulla superficie.

  8. Mettete i vostri panetti a lievitare a temperatura ambiente coperti da pellicola per l’ultima fase di lievitazione detta anche “appretto“. Lasciate lievitare per almeno 6 ore.
    Nel caso si volesse utilizzare l’impasto il giorno successivo, riponete i panetti in frigorifero in recipienti chiusi o coperti da pellicola in modo che l’impasto non prenda aria.
    Tirateli fuori e lasciateli a temperatura ambiente almeno 4 ore prima dell’utilizzo.

  9. Infarinate la spianatoia con la farina di semola, quindi stendete con le mani ciascun panetto. Mettetelo sulla teglia e farcite la vostra pizza a piacimento. Il consiglio è quello di iniziare con la classica pizza Margherita.
    Se stendete la vostra pizza con il mattarello, questo tenderà a far uscire l’aria dall’impasto ottenendo una pizza più “biscottata”.

  10. Scaldate il forno a 230 °C in modalità statico. Infornate la pizza a forno caldissimo sul ripiano più basso. Dopo circa 15 minuti trasferitela a metà forno. Proseguite la cottura per altri 5 minuti e servitela subito. Ogni forno è diverso dall’altro per cui fate attenzione a che non si bruci.

Foto impasto per la pizza fatto in casa


E’ uscito il libro di Ricette della Nonna

500 tra le ricette più belle di Nonna da conservare finalmente nella tua libreria. Lo potete trovare in libreria e nei maggiori portali di ecommerce in formato elettronico oppure in copertina rigida.

Aggiungi commento

Questa email risulta già registrata. Usa il Modulo di login o inseriscine un'altra.

Hai inserito una username o una password errata

Devi effettuare il login per inserire un commento.
1
Nataly Morales

Va bene, io avevo già seguito la ricetta precedente...ho preparato l impasto l ho lavorato per 10 minuti e l ho lasciato riposare...a pranzo era bellissimo...ora se n'è sceso...che devo fare?? Aiuto🤯🤯😥😥😥

2
Nataly Morales

Buongiorno 😊 stavo seguendo la ricetta dell impasto per la pizza ( nei tre modi), con la preparazione del lievitino da tenere dalle 2 ore ad una nottata a riposo. Non mi appare più...come mai?

3
Ricette della Nonna

Ciao Nataly, abbiamo cambiato la ricetta stanotte con una migliore. Puoi ripartire aggiungendo il lievitino alla fase 1, tralasciando la fase nella quale si aggiunge il lievito.

4

Quanti grammi di lievito secco? grazie!

5
Ricette della Nonna

Un terzo dei grammi di lievito di birra fresco.

6

Allora 6 grammi. Grazie. !!

7

Di che diametro devono essere le teglie? È possibile farle anche in teglie rettangolari?

8

Salve tutto chiaro però ci tengo a precisare che se non si lascia riposare almeno 24 ore ogni impasto per pizza con il lievito, la pizza risulta indigeribile per la maggior parte delle persone e crea problemi seri per gli intolleranti al lievito come me! Comunque 17 grammi di lievito per 470 grammi di farina sono parecchi per una pizza!! A detto di pizzaioli napoletani...

9

Ciao Federica, la quantità di lievito dipende molto dal tipo di acqua. A Napoli é notoriamente poco calcarea per cui basta meno lievito. Devi regolarti in base alla durezza dell'acqua

Carica altri commenti
Le ricette più cliccate
Ricetta crostata alla marmellata

Crostata alla marmellata

Croccante e buonissima


Ricetta cheesecake alle fragole

Ricetta Tiramisù al caffè

Tiramisù classico

Il classico al caffè


Ricetta tiramisù alle fragole

Tiramisù alle fragole

Un’originale alternativa


Ricetta torta al cioccolato

Torta al cioccolato

Unica e inimitabile


Ricetta torta di mele

Torta di mele

La classica di Nonna


Ricetta ciambellone soffice

Ricetta torta magica

Torta magica

Magicamente buona


Ricetta torta margherita

Torta margherita

Profumata e soffice