Come conservare le prugne

di in Come conservare

Le prugne sono tra i frutti più buoni e preziosi dell’estate. Ricche di qualità benefiche, il loro consumo è molto diffuso nell’ambito della dieta mediterranea.

Non a caso anche in cucina l’utilizzo è davvero ampio: si va dalle confetture ai dolci classici, passando per ricette salate e contorni. Ma come gustare le nostre amate prugne anche fuori stagione? Come conservarle al meglio una volta comperate?

Vediamo insieme come conservare le prugne, con alcuni consigli da adottare per garantire lunga vita e sapore a questi tesori della terra.

E’ uscito il libro di Ricette della Nonna

500 tra le ricette più belle di Nonna da conservare finalmente nella tua libreria. Lo potete trovare in libreria e nei maggiori portali di ecommerce in formato elettronico oppure in copertina rigida.

Conservare le prugne

Saper come conservare le prugne è essenziale per una buona riuscita delle nostre operazioni in cucina. Ma il primo passo deve essere l’acquisto: scegliete sempre prodotti biologici non trattati, maturi (non troppo, mi raccomando) e senza ammaccature. Al tatto, la buccia deve risultare ben tesa.

Potete anche sceglierle acerbe, come nel caso delle susine gialle, magari continuando a farle maturare in casa. A temperatura ambiente però, non in frigo, possibilmente lontane dal sole e distribuite equamente in un cesto da frutta.

Solo le prugne ben maturate e in salute possono essere conservate al freddo: riponetele su un piatto o in un sacchetto aperto, e lasciatele sopra uno dei ripiani del vostro frigorifero. La loro vita si allunga fino a quasi un mese.

Come conservare le prugne per l’inverno

Tutto ciò che è stato detto fin qui, è mirato alla conservazione estiva. Che siano conservate al naturale o in frigo, il consiglio è di consumare sempre le prugne il più fresche possibile, per assaporare al meglio il frutto e beneficiare delle sue proprietà.

Ma esistono anche alcuni metodi semplici ed efficaci che garantiscono una vita ancora più lunga alle nostre susine. Ecco quindi cosa fare per conservare le prugne per l’inverno:

  • La prima alternativa è quella delle prugne sciroppate. Oltre a essere una preparazione classica della nostra tradizione, è anche una delle più deliziose. Provare per credere.
  • Un’altra opzione è quella delle prugne secche. Spesso l’essiccamento delle prugne viene considerato una ricetta a sé stante. Questa preparazione è anche utile per la realizzazione di tanti piatti molto famosi e buonissimi, come nel caso della classica torta con prugne secche.
  • Se avete davvero tante prugne a disposizione e volete conservarle nel modo più gustoso possibile, la via da intraprendere è solo una: la marmellata di prugne. Con questa ricetta potrete non solo conservare le susine, ma donare a loro anche un uso ulteriore, facendole diventare parte integrante di colazioni e merende, oppure un sano ingrediente da dessert.

Aggiungi commento

Questa email risulta già registrata. Usa il Modulo di login o inseriscine un'altra.

Hai inserito una username o una password errata

Devi effettuare il login per inserire un commento.