Porri gratinati

di in Secondi piatti

Il porro è un ortaggio che si può usare in svariate ricette, molto amato per il suo gusto delicato e la morbidezza delle foglie più giovani. Oltre ad avere un buonissimo sapore dolce, che può accompagnare molti altri ingredienti, è un cibo sano dalle eccellenti proprietà, che quindi è bene tener presente e includerlo spesso nella dieta familiare.

Per valorizzarlo al meglio, una delle modalità più indicate per cucinarlo è preparare i porri gratinati al forno, un contorno leggero, vegetariano e piuttosto facile da preparare, senza una grande spesa né economica né di tempo.

Ingredienti

In questa breve guida ti proponiamo una ricetta base per preparare i porri gratinati, che piaceranno a grandi e piccoli. Prima, però, parliamo di questo ingrediente così buono.

Porro: notizie generali

Il porro si indica botanicamente con il termine di Allium Ampeloprasum ed è una pianta biennale della famiglia delle Liliacee, tipica delle regioni mediterranee e costituita da lunghe foglie di colore verde chiaro e verde scuro, di forma lanceolata, aderenti tra loro come a formare una sorta di fusto.

L’infiorescenza cresce in estate, di forma quasi sferica formata da tanti piccoli fiori bianchi. Per quanto riguarda le proprietà benefiche del porro, si tratta di un ortaggio con grandi poteri diuretici, disintossicanti ed emollienti.

Solitamente è adatto a chi ha uno stomaco delicato, perché il porro, se colto e mangiato al momento giusto, è molto tenero e facilmente digeribile.

Porri gratinati al forno

Ingredienti

Per preparare una quantità di porri gratinati per 4 persone, tieni in conto di usare 4 porri, oppure 3 belli grossi. Ti occorrerà del Parmigiano Reggiano grattugiato, dell’olio extravergine d’oliva di buona qualità, sale, pepe e eventualmente un cucchiaio di pinoli, che è un ingrediente optional per dare un aspetto più ricercato alla tua ricetta.

Per preparare invece la besciamella per condire i porri e dare quel tocco in più, ti servirà del latte ( su 4 porri circa 250 ml), qualche manciata di farina e due noci di burro. Se per la tua preparazione di questa pietanza vuoi strafare, scegli il Porro Dolce Lungo di Carmagnola, una particolare qualità di porro, tutta italiana e selezionata nei secoli dai contadini del comune di Carmagnola, in provincia di Torino.

Questa tipologia è molto richiesta, perché in grado di produrre delle piante con succosi fusti di foglie spessi fino a 3 cm e alti anche 150 cm, di cui almeno 85 mangerecci. Di colore quasi bianco verso il bulbo e verde brillante sopra, dal gusto particolarmente soave, questa varietà di porro assicura ottimi risultati in cucina.

Preparazione

Per preparare al meglio questa ricetta, assicurati prima di tutto di usare porri freschi e di qualità. Inizia lavandoli per bene e, mi raccomando, assicurati che all’interno delle foglie incollate tra loro non vi sia alcun residuo di terra.

Taglia a rondelle sottili la parte di porro che ti sembra più tenera e soda, lasciando da parte le punte più scure e solitamente più fibrose. Olia il fondo di una padella e metti a cuocere i porri, aggiungi un po’ di sale, pepe, i pinoli e se vuoi uno spicchio di aglio.

Cuoci per qualche minuto continuando a mescolare. In alternativa, puoi scegliere di sbollentare il porro in una pentola con poca acqua, oppure anche di cuocerli al vapore per una versione di porri gratinati più light. In qualsiasi modo tu abbia eseguito la prima fase di cottura, metti i porri cotti in una ciotola, in cui poi aggiungerai la besciamella.

Per preparare la besciamella, in una pentola anche piccola metti la farina e il burro e scandali a fuoco lento fino a che non inizieranno a diventare un po’ più scuri. Aggiungi quindi il latte girando continuamente, perché non si creino dei grumi. Butta un pizzico di sale e continua a cuocere ancora per pochi minuti senza mai smettere di mescolare!

Quando la besciamella risulterà della densità giusta e gli ingredienti tutti ben amalgamati, versala nella ciotola dei porri mescolando con cura e unendo il tutto in modo omogeneo. A questo punto versa i porri in una pirofila e cospargili abbondantemente di Parmigiano grattugiato.

Ecco fatto: la tua bella pirofila di porri è pronta per passare alla fase di cottura! In forno preriscaldato, inforna la pirofila per circa 20 minuti a 200 °C. A metà cottura puoi accendere la modalità ventilata per far risultare porri più croccanti e creare una buonissima crosticina dorata e invitante. Una volta cotti, non ti resta che impiattare i porri e servirli ben caldi.

Deliziosi e adatti a tutti e palati, i porri gratinati al forno sono un’ottima ricetta per mangiare un contorno sano ma molto soddisfacente. I porri gratinati, oltre che come secondo di verdure, possono essere usati anche come ripieno di torte salate, empanadas, pasticci o semplicemente come condimento un riso o una pasta.

Nello stesso modo che abbiamo descritto in questo articolo, si possono cucinare anche i finocchi o le zucchine per portare sempre in tavola ortaggi salutari cucinati in modo gustoso.


E’ uscito il libro di Ricette della Nonna

500 tra le ricette più belle di Nonna da conservare finalmente nella tua libreria. Lo potete trovare in libreria e nei maggiori portali di ecommerce in formato elettronico oppure in copertina rigida.

Aggiungi commento

Questa email risulta già registrata. Usa il Modulo di login o inseriscine un'altra.

Hai inserito una username o una password errata

Devi effettuare il login per inserire un commento.
Le ricette più cliccate
Ricetta torta al cioccolato
Torta al cioccolato

Unica e inimitabile


Ricetta torta di mele
Torta di mele

La classica di Nonna


Ricetta ciambellone soffice

Ricetta crostata alla marmellata
Crostata alla marmellata

Croccante e buonissima


Ricetta torta magica
Torta magica

Magicamente buona


Ricetta torta paradiso
Torta paradiso

Torta più soffice non esiste


Ricetta torta pan di stelle
Torta pan di stelle

Un nuovo classico


Ricetta torta pan di stelle

Ricetta torta margherita
Torta margherita

Profumata e soffice


Ricetta Tiramisù al caffè
Tiramisù classico

Il classico al caffè