Le pardulas, dolcetti sardi alla ricotta e zafferano

di in Dolci e dessert

Tipiche della tradizione sarda, le pardulas (o pardule) sono dei dolcetti a base di ricotta di pecora, zafferano e scorza di limone, racchiusi in una croccante sfoglia a base di semola di grano duro. Solitamente si preparano nelle festività e possono venire decorate con zucchero a velo oppure spennellate di miele e spolverate con zuccherini colorati.

E’ uscito il libro di Ricette della Nonna

500 tra le ricette più belle di Nonna da conservare finalmente nella tua libreria. Lo potete trovare in libreria e nei maggiori portali di ecommerce in formato elettronico oppure in copertina rigida.

Ingredienti

Per la sfoglia esterna:

  • 100 gr di farina di semola di grano duro rimacinata
  • 100 gr di farina 00
  • 1 cucchiaino di strutto (facoltativo)
  • 1 albume d'uovo
  • 100 ml di acqua tiepida
  • 1 pizzico di sale

Per il ripieno

  • 250 gr di ricotta vaccina o di pecora
  • 6 cucchiai di zucchero a velo
  • 1 tuorlo d'uovo
  • 50 gr di farina 00
  • 0.5 cucchiaino di zafferano in polvere
  • 1 scorza di limone
  • miele (facoltativo) qb
  • confetti colorati (facoltativo) qb
  • 1 pizzico di sale
  • Tempo Preparazione:
    20 minuti
  • Tempo Cottura:
    30 minuti
  • Tempo Riposo:
    20 minuti + 1 notte
  • Dosi:
    per 10 - 12 pezzi piccoli o per 8 grandi
  • Difficoltà:
    Media

Procedimento

 

La sera prima, riponete la ricotta a sgocciolare in un colino coperta da un telo in frigorifero in modo che perda tutta la sua acqua.

L’indomani, estraetela dal frigo e lasciatela temprare a temperatura ambiente per una ventina di minuti. Eliminate il liquido.

Preparazione le pardulas, dolcetti sardi alla ricotta e zafferano

Nel frattempo preparate la sfoglia per il guscio esterno delle pardulas: mescolate la farina 00 assieme alla semola rimacinata di grano duro e a un pizzico di sale. Rompete l’uovo, dividete il tuorlo dall’albume. Versate l’albume sulle farine e conservate il tuorlo per il ripieno.

Aggiungete alle farine anche un cucchiaino di strutto (facoltativo) e metà dell’acqua tiepida (50 ml). Incominciate a impastare il tutto con una forchetta aggiungendo poca acqua alla volta fino a quando non avrete ottenuto un’impasto liscio e uniforme. Lavoratelo una decina di minuti sulla spianatoia. Fatelo poi riposare per 20 minuti sotto a un telo.

Preparate il ripieno: lavorate il tuorlo con lo zucchero e la scorza di limone. Aggiungete la ricotta setacciata attraverso un colino oppure passata con lo schiacciapatate, mezzo cucchiaino di zafferano in polvere, un pizzico di sale. Unite la farina setacciata e lavorate bene il tutto con un cucchiaio.

Stendete ora non troppo finemente la sfoglia servendovi di una macchinetta per la pasta o di un mattarello. Tagliate dei cerchi dal diametro di 8 cm.

Prelevate 2 cucchiaini di ripieno e, arrotolandolo tra i palmi delle mani, formate delle palline. Riponetele al centro dei dischi di sfoglia e chiudeteli ai bordi punzecchiandoli con la punta delle dita.

Adagiate le pardulas su una teglia. Scaldate il forno a 150° – 160° C. Infornate i dolcetti a forno caldo e cuoceteli per almeno 30 minuti.

Una volta dorati, estraeteli dal forno. Potete spennellarli ancora caldi con il miele e decorarli con zuccherini colorati oppure aspettare che si raffreddino bene e spolverarli con abbondante zucchero a velo.

Foto le pardulas, dolcetti sardi alla ricotta e zafferano

 


Aggiungi commento

Questa email risulta già registrata. Usa il Modulo di login o inseriscine un'altra.

Hai inserito una username o una password errata

Devi effettuare il login per inserire un commento.
1

Le mie rimangono basse, tipo formaggelle del nord Sardegna. Dove sbaglio?

2

Ma mezzo cucchiaino di zafferano, quante bustine da circa 0,16 g sono?
Volevo sostituire lo strutto con il burro. 15 g basteranno?

3

Potreste dirmi quanti sono in grammi 6 cucchiai di zucchero a velo, mezzo cucchiaino di zafferano e 1 cucchiaino di strutto? Grazie

5

Perché proprio la farina rimacinata, non va bene quella di grano duro normale?

6
Alessandra Rossi

È più indicata per la consistenza