Pinza triestina

di in Dolci di Pasqua

La pinza triestina è una preparazione tipica del Friuli Venezia Giulia e della Dalmazia, che richiama antiche tradizioni, come nel taglio a croce che viene fatto in cima.

Questo, infatti, se da un lato simboleggia il Crocifisso dall’altro ha il compito di aiutare la lievitazione e rendere la pinza ancor più gonfia.

Questa brioche tonda, profumata di scorza d’agrumi e di vaniglia viene preparata nel periodo pasquale e primaverile in generale.

Di solito la versione classica non prevede farciture ma, se vi piace, potete arricchire l’impasto della pinza con una manciata di uva passa. È anche possibile prepararne una variante salata, da arricchire con formaggi e salumi.

Ingredienti pinza triestina

Per il lievitino:

  • 20 gr di lievito di birra
  • 200 gr di farina manitoba
  • 200 ml di latte tiepido
  • 1 cucchiaio di zucchero

Per l'impasto

  • 300 gr di farina manitoba
  • 75 gr di burro morbido
  • 75 gr di zucchero
  • 3 tuorli d'uovo
  • 1 cucchiaio di rum
  • 1 bacca di vaniglia
  • 1 scorza di arancia
  • 1 scorza di limone
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 albume d'uovo per spennellare
  • Tempo Preparazione:
    20 minuti
  • Tempo Cottura:
    40 minuti
  • Tempo Riposo:
    16 ore di lievitazione
  • Dosi:
    per una pinza da circa 800 g
  • Difficoltà:
    Media

Come preparare la pinza triestina

  1. Preparate il lievitino della pinza pasquale: intiepidite il latte e sciogliete il lievito di birra nel liquido assieme allo zucchero.

    Aggiungete la farina, mescolate e coprite con un foglio di pellicola. Fate lievitare a temperatura ambiente, al riparo da correnti d’aria per 12 ore.

  2. Preparazione pinza pasquale 1

    Preparate ora l’impasto della pinza: versate la farina in una ciotola.

    Sciogliete nel lievitino, preparato 12 ore prima, lo zucchero. Versate il composto sulla farina e incominciate a impastare. Potete fare questa operazione anche con l’aiuto di un impastatore. Aggiungete la scorza di limone e di arancia, le bacche di una stecca di vaniglia, il rum e i tuorli, uno alla volta.

    Terminate aggiungendo il sale e il burro, anch’esso poco per volta. Fate incordare bene l’impasto e lavoratelo per almeno 10 minuti.

    Formate poi una palla, riponetela in una ciotola e fatela lievitare per almeno 2 ore, fino al raddoppio di volume.

     

  3. Preparazione pinza pasquale 2

    Una volta lievitato l’impasto, risvoltatelo sulla spianatoia e dategli una forma a palla. Riponetelo su una teglia rivestita di carta forno. Coprite l’impasto e fatelo lievitare per altre 2 ore. Scaldate il forno a 200° C.

    Praticate 3 tagli sulla pinza pasquale ormai lievitata, spennellatela con l’albume leggermente sbattuto e infornate a forno caldo.

    Cuocete la pinza pasquale per 10 minuti a 200° C, poi proseguite la cottura per altri 30 minuti a 180°C. Coprite il dolce con un foglio di alluminio se si dovesse scurire troppo in cottura. Una volta pronta, fate raffreddare la pinza completamente prima di gustarla.

La pinza triestina è solo uno dei tanti prodotti tipici del Friuli Venezia Giulia.

Nello speciale di Ricette della Nonna, invece, puoi trovare tutti i consigli per il menù di Pasqua.

Foto pinza pasquale


E’ uscito il libro di Ricette della Nonna

500 tra le ricette più belle di Nonna da conservare finalmente nella tua libreria. Lo potete trovare in libreria e nei maggiori portali di ecommerce in formato elettronico oppure in copertina rigida.

Aggiungi commento

Questa email risulta già registrata. Usa il Modulo di login o inseriscine un'altra.

Hai inserito una username o una password errata

Devi effettuare il login per inserire un commento.
1

ho letto la ricetta , puo' essere sostituito il lievito di birra con il lievito madre ? allungando logicamente i tempi di lievitazione.
grazie
iaia

2
Ricette della Nonna

Si, certo.