Casatiello napoletano

di in Ricette della Campania

Il casatiello napoletano è una torta rustica partenopea, preparata tradizionalmente nel periodo di Pasqua. Nella cucina campana delle feste è sicuramente il prodotto più conosciuto e apprezzato.

La ricetta del casatiello viene fatta risalire, secondo la tradizione, al XVI o al XVII secolo, proprio mentre si stava diffondendo un altro prodotto tipico della Pasqua napoletana: la pastiera.

Una attestazione letteraria precisa è quella contenuta ne La gatta Cenerentola, una fiaba di Giambattista Basile pubblicata tra il 1634 e il 1636, nel quale è chiamato “casatielle”.

Il casatiello napoletano viene lavorato su una base di pasta di pane, con l’aggiunta di formaggi, salumi e in alcune varianti anche di strutto e cicoli (uno scarto nobilitato della produzione del maiale). La pasta viene lievitata due volte: una singolarmente, e la seconda con gli ingredienti. Una volta realizzata la forma “a ciambella”, viene poi decorato con delle uova disposte a cerchio sulla torta in modo da raffigurare la corona di spine di Gesù crocifisso.

Si può anche preparare in versione dolce, ma per antonomasia il nome fa riferimento alla variante salata, della quale vi proponiamo la ricetta.

E’ uscito il libro di Ricette della Nonna

500 tra le ricette più belle di Nonna da conservare finalmente nella tua libreria. Lo potete trovare in libreria e nei maggiori portali di ecommerce in formato elettronico oppure in copertina rigida.

Ingredienti casatiello napoletano

  • 500 gr di farina
  • 50 gr di strutto
  • 200 gr di provolone
  • 200 gr di salame tipo Napoli
  • 100 gr di pecorino grattugiato
  • 25 gr di lievito di birra
  • 100 ml di latte
  • acqua qb
  • sale qb
  • pepe qb
  • 5 uova come decorazione
  • Tempo Preparazione:
    30 Minuti
  • Tempo Cottura:
    50 Minuti
  • Tempo Riposo:
    2 ore
  • Dosi:
    un casatiello da 10 persone
  • Difficoltà:
    Impegnativa
  • Calorie:
    450

Come preparare il casatiello napoletano

  1. Fate sciogliere il lievito di birra nel latte tiepido.

    Disponete la farina a fontana e aggiungete al centro il lievito sciolto nel latte, lo strutto, il sale, il pepe e l’acqua per l’impasto (circa un bicchiere).

  2. Preparazione Casatiello napoletano

    Lavorate l’impasto fino ad ottenere una pasta morbida. Copritela e lasciatela lievitare per circa due ore in un luogo caldo.

    Quando l’impasto avrà raddoppiato il suo volume toglietene una pallina e mettetela da parte. Vi servirà per fissare le uova in fase di decorazione. Stendete nel frattempo l’impasto dandogli una forma rettangolare.

    Ricoprite la sfoglia stesa con il salame e il formaggio a dadini. Spolverate con il pecorino e arrotolate la pasta nel senso della lunghezza dandogli la forma di un salame.

    Disponetela quindi in uno stampo da ciambellone ben oliato unendo le due estremità. Coprite nuovamente con un panno e fate lievitare altre 2 ore.

  3. Preparazione Casatiello napoletano

    A questo punto dopo aver pulito bene le uova (aiutatevi con uno spazzolino) disponetele sulla superficie del casatiello e fissatele ognuna con due striscette di pasta a croce.

    Cuocete in forno preriscaldato a 180 °C per circa 50 minuti.

Le varianti 

Se volete un casatiello più light potete utilizzare l’olio extravergine di oliva al posto dello strutto e sostituire il provolone con emmental o caciocavallo.

Il casatiello napoletano perfetto: i consigli della Nonna

Dopo che avrete aggiunto il ripieno alla pasta, la seconda lievitazione del casatiello risulterà, per forza di cose, più lenta.

Il consiglio è di prepararlo quindi con congruo anticipo: iniziate dal pomeriggio facendo lievitare una volta il casatiello, aggiungete gli ingredienti all’impasto e proseguite la seconda lievitazione per tutta la notte, infornandolo la mattina successiva.

Si può servire ancora caldo o freddo, a scelta. In quest’ultimo caso, il casatiello napoletano diventa anche un’ottima merenda per una scampagnata di Pasqua.

Ecco tante altre ricette per il vostro menù di Pasqua.

Casatiello napoletano ricetta e foto


Aggiungi commento

Questa email risulta già registrata. Usa il Modulo di login o inseriscine un'altra.

Hai inserito una username o una password errata

Devi effettuare il login per inserire un commento.
1

BUONGIORNO , ALLORA DOPO AVERLO MESSO NELLO STAMPO NON C'E' DI BISOGNO DI LASCIARLO LIEVITARE, SE GIA' VIENE MESSO TUTTA LA NOTTE A LIEVITARE.

2

buongiorno, posso usare l'olio al posto dello strutto nella stessa quantita' ? e preparando l'impasto del casatiello la sera x aspettare la lievitazione, esattamente quante ore? grazie

3

Ma le uova da fissare sono già sode?

4
Ricette della Nonna

Ciao Angela, le uova diventano sode in cottura.

5

Buonasera Nonna.
Perché Devo Farlo Lievitare Due Volte?
Se Mettessi La Fascia Nell'Impasto e Lo Faccio Lievitare Una sola Volta,Non Va Bene?...Grazie Anticipatamente Della Risposta e Buon Lavoro.

6
Ricette della Nonna

Ciao Sandro, la doppia lievitazione serve affinchè la pasta non risulti dopo la cottura ammassata.

7

Se a posto dello strutto utilizzo l'olio, in quale quantità???? Grazie

8

Se metti l'olio al posto dello strutto ...allora non stai facendo piu il casatiello....la sugna da sapore di grasso di maiale....senza diverrebbe una focaccia ai salumi....osceno...

Autore9
Alessandra Rossi

Il 20% in meno

Carica altri commenti