Spongata di Erbanno

di in Dolci e dessert

La spongata è un dolce tradizionale dei periodi di festa, particolarmente diffuso tra Emilia Romagna, Toscana e Liguria e parzialmente anche in Lombardia.

La ricetta, che prende anche il nome di spongada o spungata, è differente a seconda dei luoghi di provenienza: mentre tra il piacentino e il parmigiano si tratta di una torta fatta con pasta brisée e ripieno di frutta, in Val Camonica somiglia più a delle palline di impasto lievitato, da accompagnare a bevande calde.

Questa è la variante camuna della cosiddetta spongata di Erbanno, che può essere servita da sola o con un ripieno di confettura a piacimento, ed è tipica della Pasqua.

Ingredienti

  • 500 gr di farina manitoba
  • 50 gr di zucchero semolato
  • 5 gr di lievito secco attivo di birra o 10 gr di lievito fresco
  • 200 ml di latte tiepido
  • 2 uova intere
  • 100 gr di burro
  • un cucchiaino scarso di sale
  • 1 tuorli d’uovo sbattuto con 1 cucchiaio di latte per spennellare
  • zucchero semolato per decorare
  • Tempo Preparazione:
    30 Minuti
  • Tempo Cottura:
    20 Minuti
  • Tempo Riposo:
    3 Ore
  • Dosi:
    10 Spongate
  • Difficoltà:
    Media

Come preparare la spongata

Ecco come preparare la tradizionale spongata. In una ciotola preparate il lievitino, mescolate il latte tiepido assieme allo zucchero e al lievito. Lasciate riposare per una ventina di minuti. Nel frattempo, estraete il burro dal frigorifero, pesatelo e tagliatelo a dadini. Sbattete in una ciotolina l’uovo.

Potete poi procedere con la realizzazione dell’impasto della spongata in due modi:

A mano

Mettete in una ciotola capiente la farina e formate una fontana. Versate al centro il lievitino assieme al latte e allo zucchero e all’uovo sbattuto.

Incominciate a lavorare bene il tutto, aggiungete il sale e, poco alla volta, i cubetti di burro. Trasferite l’impasto della spongata su una spianatoia e lavoratelo per 10 minuti.

Una volta ottenuta una palla d’impasto liscia e omogenea, mettetela in una ciotola, copritela con un panno e lasciate lievitare per almeno 2 ore, fino al raddoppiamento del volume

Con l’impastatrice

Mettete nella brocca dell’impastatrice la farina e il lievito e azionate alla minima velocità l’apparecchio. Versate l’uovo sbattuto, il sale e aspettate che il tutto si amalgami all’impasto della spongata. Sempre con l’apparecchio in funzione, aggiungete poco burro alla volta.

Una volta terminata l’aggiunta di questo ultimo ingrediente, fate lavorare l’apparecchio per 8 minuti circa, fino a quando non si sarà ben incordato al gancio.

Una volta ottenuta una palla d’impasto liscia e omogenea, mettetela in una ciotola, copritela con un panno e lasciatelo lievitare per almeno 2 ore, fino al raddoppio del volume.

Con la macchina del pane

Versate nel cestello della macchina del pane nel seguente ordine: il lievitino liquido assieme all’uovo sbattuto, la farina, il sale e il burro a cubetti. Programmate la macchina in modalità “solo impasto” e azionatela. L’impasto della spongata sarà pronto e lievitato al segnale acustico.

A questo punto a prescindere dal metodo utilizzato, infarinate con poca farina il piano da lavoro e dividete l’impasto lievitato in 10 pezzi. Formate 10 palline. Posizionatele ben distanziate su 2 teglie rivestite di carta forno. Copritele con un panno e lasciatele lievitare per almeno 45 minuti. Intanto, preriscaldate il forno a 200 °C.

Praticate con un coltello affilato un taglio sui piccoli panini lievitati. Spennellateli con il tuorlo sbattuto con il latte e spolverateli con abbondante zucchero semolato. Infornateli e cuoceteli per 15 – 20 minuti.

Una volta cotti e dorati, lasciateli raffreddare bene su una gratella prima di consumarli. La spongata è ottima accompagnata da una confettura di albicocche o di ciliegie.

Foto spongata di Erbanno


E’ uscito il libro di Ricette della Nonna

500 tra le ricette più belle di Nonna da conservare finalmente nella tua libreria. Lo potete trovare in libreria e nei maggiori portali di ecommerce in formato elettronico oppure in copertina rigida.

Aggiungi commento

Questa email risulta già registrata. Usa il Modulo di login o inseriscine un'altra.

Hai inserito una username o una password errata

Devi effettuare il login per inserire un commento.
1
Gregorio Cognetto

deve essere buona

2

Ciao Mariangela, poi facci sapere come viene. Mi raccomando.

3

dovrebbe essere molto buona domani provo afrla grazie ciao da mariangela

4

Gent.le Sig.ra Claudia Zanucchi, mi permetto di segnalare l'errato nome da lei citato "spongata", ma è hspongada con l'H iniziale aspirata, oppure senza. Altro, la foto delle tre hpongade non rispecchia la realtà di quelle camune prettamente dolce della tradizione pasquale e in particolare modo quelle di Erbanno, che sono senza granella di zucchero, ma con lo zucchero semolato, quelle da lei indicate sono focacce che i camuni chiamano veneziane.

Se vuole consulti il mio sito http://www.noidellavallecamonica.it , distinti saluti Raffaele Amoruso

Le ricette più cliccate
Ricetta torta al cioccolato
Torta al cioccolato

Unica e inimitabile


Ricetta torta di mele
Torta di mele

La classica di Nonna


Ricetta ciambellone soffice

Ricetta crostata alla marmellata
Crostata alla marmellata

Croccante e buonissima


Ricetta torta magica
Torta magica

Magicamente buona


Ricetta torta paradiso
Torta paradiso

Torta più soffice non esiste


Ricetta torta pan di stelle
Torta pan di stelle

Un nuovo classico


Ricetta torta pan di stelle

Ricetta torta margherita
Torta margherita

Profumata e soffice


Ricetta Tiramisù al caffè
Tiramisù classico

Il classico al caffè