Pasticciotti leccesi

di in Dolci e dessert

Il pasticciotto, tipico salentino, si presenta come una sostanziosa tortina in pasta frolla ripiena di una crema pasticciera: realizzato con lo strutto, non è certamente un dolce leggero ma davvero gustosissimo, friabile e da assaggiare.

Ingredienti

Per la pasta frolla

  • 300 gr di farina 00
  • 125 gr di strutto
  • 125 gr di zucchero
  • 1 uovo e 1 tuorlo
  • 5 gr di lievito per dolci
  • aroma di vaniglia

per la crema

  • 500 ml di latte
  • 25 gr di farina
  • 25 gr di fecola di patate
  • 125 gr di zucchero
  • 4 tuorli
  • 1 fialetta di aroma di vaniglia

per la decorazione

  • 1 tuorlo
  • latte
  • Tempo Preparazione:
    1 ora
  • Tempo Riposo:
    2 ore
  • Dosi:
    8 Pasticciotti leccesi
  • Difficoltà:
    Facile

Procedimento

Iniziate con la frolla: in una terrina mescolate molto bene lo zucchero con l’uovo e il tuorlo fin quando non avrete ottenuto un composto cremoso. Aggiungete anche lo strutto e, amalgamando bene dopo ogni aggiunta, anche farina, il lievito e l’aroma di vaniglia.

Impastate, formate una bella palla e mettetela in frigo per due ore circa coperta da pellicola.

Passate ora alla crema: mettete il latte in un pentolino, aggiungete l’aroma di vaniglia e fatelo scaldare senza portarlo a ebollizione. Amalgamate a parte in un altro tegame i tuorli, lo zucchero, la farina e la fecola. Quindi aggiungete a filo il latte caldissimo, accendete al minimo il fuoco e sempre mescolando con un cucchiaio di legno cercate di ottenere una crema molto densa. Spegnete, travasate la crema in un piatto e copritela con della pellicola trasparente, quindi mettetela in frigorifero a raffreddare.

Riprendete la pasta frolla dal frigorifero e stendetela in una sfoglia di spessore di mezzo centimetro. Ricavatene degli ovali con cui foderare gli appositi stampini dalla forma ovale, precedentemente unti.

Riempite i pasticciotti con la crema pasticciera, copriteli con un altro strato di pasta frolla facendo aderire bene i bordi. Disponeteli su una teglia e mettete di nuovo in frigo a raffreddare per circa un’ora.

Sbattete un tuorlo con un cucchiaio di latte e spennellate la superficie dei pasticciotti.

Cuocete in forno caldo a 220 °C per 15 minuti circa.

Sfornate i pasticciotti leccesi e consumateli ancora caldi. Se poi volete provare quelli originali salentini, non vi rimane che fare una gita nel Salento e mangiarli alla pasticceria Dentoni di Torre dell’Orso!

Pasticciotti leccesi


E’ uscito il libro di Ricette della Nonna

500 tra le ricette più belle di Nonna da conservare finalmente nella tua libreria. Lo potete trovare in libreria e nei maggiori portali di ecommerce in formato elettronico oppure in copertina rigida.

Aggiungi commento

Questa email risulta già registrata. Usa il Modulo di login o inseriscine un'altra.

Hai inserito una username o una password errata

Devi effettuare il login per inserire un commento.
1

Spennellare la superficie dei pasticciotti con il tuorlo e il cucchiaio di latte serve solo a dargli un aspetto più invitante? Oppure incide anche sul sapore, ecc.?

2
Ricette della Nonna

Serve a formare una pellicola/crosticina sulla superficie. Incide relativamente sul sapore.

3

Una volta cotti, posso conservarli in frigo e poi riscaldarli prima di mangiarli? Se sì, a che temperatura e per quanti minuti li scaldo in forno? Uso il forno statico?
Grazie

4
Ricette della Nonna

Si, conservali pure in frigo in un recipiente chiuso. Li puoi scaldare in forno statico per 5 minuti a 160 gradi.

5

Posso sostituire lo strutto con il burro? Grazie

6
Giulia - Ricette della Nonna

Certo!

7

Ciao, la tua ricetta sembra buonissima!

Anche io ne ho pubblicata una sul mio blog..

Ti lascio il link, se ti va passaci e dimmi cosa ne pensi 😉

https://sabrinaincucina.wordpress.com/2016/11/29/pasticciotto-leccese/

Autore8
Alessandra Rossi

grazie Sabrina, bravissima!

9
Donatella Taddeo

Ottima ricetta!!! Appena sfornati sono divini!!!Ogni tanto ne ho nostalgia...visto che vivo lontano dalla mia amata Puglia!!Adesso con questa ricetta sono la persona più ricca del mondo!!! Sono identici!!!GRAZIE

10
Ricette della Nonna

grazie a te Donatella

Carica altri commenti